Cos’è e Definizione dello Spread BTP Bund, Impatti sulla vita reale del rialzo dello Spread

Negli ultimi anni il balletto dello spread è diventato più famoso del tuca tuca e tra i vari sali e scendi non si può non ricordare il picco storico raggiunto il 9 novembre del 2011 in cui lo spread è arrivato a ben 552 punti. Nel corso degli ultimi anni altri massimi storici sono stati raggiunti nel 2013 e in ultimo il 29 maggio 2018 quando lo spread ha toccato quota 320.

Eppure una cosa è certa: quando lo spread scende gli Stati tirano un sospiro di sollievo mentre quando sale gli economisti iniziano seriamente a preoccuparsi. Ma perché lo spread è così importante? Di certo, rappresenta un indice fondamentale per determinare lo stato di salute economica e di stabilità finanziaria di un Paese. Ma vediamo cos’è lo spread, perché se ne parla tanto e che impatto ha sulla vita reale uno spread al rialzo.

Cos’è lo spread?

Lo spread italiano è la differenza di rendimento, espresso in percentuale, tra due diversi titoli di stato: i Bund tedeschi e i BTP italiani (Buoni del Tesoro Poliennali decennali).
Sia i Bund che i BTP sono titoli di stato che i governi, rispettivamente tedesco e italiano, emettono per recuperare denaro e ottenere liquidità. I cittadini quindi recandosi presso gli istituti bancari, detentori dei titoli di stato, possono acquistare i titoli in questione, finanziare così lo Stato e ottenere, dopo un certo numero di anni, sia la somma investita che degli interessi più o meno alti.

Gli Stati con i conti a posto e con una certa solidità economica venderanno i loro titoli garantendo degli interessi bassi, in quanto gli investitori non andranno incontro ad alcun tipo di rischio acquistando quei titoli. Al contrario, gli Stati con un’economia meno stabile venderanno i propri titoli garantendo degli interessi alti e questo al fine di attirare il maggior numero possibile di investitori che vedranno in quest’acquisto un elevato livello di rischio, in quanto in caso di bancarotta da parte dello Stato perderanno tutti i loro soldi. Nella zona euro lo spread viene calcolato prendendo come parametro di riferimento il Bund tedesco e questo perché, a livello europeo, la Germania rappresenta la nazione economicamente più solida e finanziariamente più affidabile.

Quali sono le conseguenze del rialzo dello spread sulla vita reale

Per finanziarsi lo Stato ha bisogno che vengano acquistati i suoi titoli e se uno Stato presenta dei titoli con un tasso di interesse basso gli investitori saranno più propensi ad acquistarli perché andranno incontro ad un investimento a basso rendimento ma sicuro mentre se uno Stato presenta dei titoli con un alto tasso di interesse gli investitori saranno restii a investire i propri risparmi in questi titoli in quanto andranno incontro ad un investimento con un’alta percentuale di rischio. Detto ciò uno spread al rialzo può comportare tutta una serie di conseguenze nella vita reale di tutti i giorni che spesso non vengono immediatamente percepite dai cittadini.

  • Crisi degli istituti bancari. Gli istituti bancari che sono i principali detentori di BTP in Italia per attirare più investitori possibili devono garantire degli interessi elevati e conseguentemente trovare i soldi per finanziare tali tassi.
  • Crescita del debito pubblico. Se lo spread aumenta di conseguenza dovranno aumentare anche i tassi di interesse dei BTP che lo Stato poi sarà costretto a pagare e se quest’ultimo spenderà più soldi per rimborsare gli investitori avrà meno denaro da destinare ai servizi pubblici per i cittadini i quali dovranno essere finanziari facendo ricorso all’aumento del debito.
  • Difficoltà per i cittadini di accedere ai finanziamenti. Le banche essendo costrette a garantire dei maggiori tassi di interesse agli investitori cercheranno di finanziarsi aumentando gli interessi di mutui e finanziamenti e ciò renderà moto più difficile l’accesso al credito da parte di famiglie e imprese.
  • Riduzione dei consumi. Un sistema economico in cui le banche possono concedere prestiti solo a tassi d’interesse molto elevati e lo Stato, per rimborsare gli investitori, può decidere di adottare varie misure tra cui aumentare le tasse, costringe i cittadini a risparmiare, non spendere in consumi e ciò porta a non far girare l’economia.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.